Succede spesso di trovarsi di fronte questa situazione: campo cementificato in più punti, soprattutto la zona di battuta e dislivello sulle righe con conseguente rimbalzo irregolare.
Si può intervenire in qualche modo?
Premetto che tale situazione te la puoi ritrovare sia in estate all’aperto, sia in indoor e quindi al chiuso. Oggi vi farò vedere un tipo di manutenzione poco invasiva ma che dà buoni risultati nel breve-meglio termine.
Solitamente nel periodo freddo il problema si accentua perchè copriamo dei campi rifatti in primavera e quindi già usurati e ben compatti.
La copertura pressostatica tende a peggiorare la situazione ma ne riparliamo un’altra volta.
Scopo di questo intervento: rendere più “confortevole” al gioco la parte trattata e “recuperare” qualche millimetro in spessore per limitare lo “scalino” che si crea sulle righe.
Limite del procedimento: possiamo recuperare al massimo tra i 2 e i 4 millimetri di spessore, non esageriamo quindi con il sottomanto, perchè altrimenti ti ritroverai un campo sabbioso e osceno.
All’interno del video puoi ritrovare anche tanti spunti per una migliore conduzione quotidiana del campo di gioco, spero ti possano essere utili.
Un sentito ringraziamento per la disponibilità va a Roberto Alt, Titolare della Greenetiks https://www.greenetiks.it/ e a Fabrizio Lacchini, Manager di Gestione del Circolo Tennis Zavaglia https://www.ctzavaglia.it/